Campagna elettorale o lancio di un nuovo telefilm?

Davvero interessante, sul piano della comunicazione. Trovo che la sua forza sia nel sembrare la presentazione di un telefilm. Un telefilm che no avete mai visto prima, promette Mark Block, perché c’è un personaggio mai visto prima. E ci conferma che è qualcosa di nuovo con quel tocco di disobbedienza alle regole che è la sigaretta (e che serve a dare quel tocco di “scandalo” per renderlo virale sulla rete).

Ed è davvero furba la mossa di farsi presentare dal proprio capo dello staff. Toglie dalla scena la “bruttura” di uno “sconosciuto” che si presenta da solo, e mette subito in campo il fatto che c’è già chi ci crede a mille a questo nuovo “eroe”. Con l’attacco della musica (la faccia di Block e poi quella di Cain) sembra la sigla di un telefilm. Uno si aspetta le prossime puntate.

Se non è storytelling questo.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Analisi Storytelling. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...